Come funzionano le Costellazioni Familiari?

Le costellazioni familiari si svolgono prevalentemente in gruppo sebbene possano essere svolte anche a livello
individuale. Pur essendo l’esperienza diretta il miglior modo per capire come funzionano le costellazioni familiari, andiamo a fare un breve excursus tra i passaggi principali.

Tutti i partecipanti si mettono in cerchio in modo da creare un campo energetico centrale, luogo dove si svolge la scena. La rappresentazione è guidata da un facilitatore detto Costellatore.

Esporre il proprio tema da trattare in Costellazione

A questo punto, chi lo desidera, può esporre tematiche riguardanti la propria vita. Il costellatore da
precedenza a chi manifesta la sicurezza di voler risolvere i propri conflitti interiori e, inizialmente, effettua un breve colloquio con colui che ha esposto la tematica detto protagonista.

L’intento è quello di mettere in luce le tensioni interne del sistema familiare tramite domande dirette a cui viene chiesto di dare risposte brevi e oggettive. In base al tempo verbale utilizzato, presente o passato, il costellatore può comprendere se il problema riguarda la
famiglia di origine o quella attuale.

Scelta dei rappresentanti

Successivamente il protagonista deve  scegliere, in base al proprio sentire personale, coloro che andranno a
rappresentare i membri della propria famiglia e, infine, siede di fianco al costellatore lasciando che gli eventi si svolgano da soli. A questo punto gli attori si posizionano all’interno del cerchio e danno vita alla rappresentazione. Questa deve essere svolta nel rispetto  di alcune regole: la legge dell’appartenenza (nessun membro della
famiglia, anche defunto, deve essere escluso) e la legge del bilanciamento tra il dare e il ricevere.

Lasciar agire la Costellazione Familiare

L’idea è quella che, attraverso il campo energetico creato, le forze che governano gli eventi producano una
risonanza nei personaggi. Gli attori, in tal modo, mettono in luce gli irretimenti della famiglia del protagonista vivendo, quindi, emozioni, idee e tensioni propri dei membri che rappresentano.

Per tutti i presenti viene a crearsi un collegamento energetico: se il mondo esterno è lo specchio di una realtà interna il protagonista, vendendo
trasformata tale realtà, porta questa esperienza nel proprio vissuto e i benefici, grazie all’energia sprigionata, si dispiegano anche sugli attori stessi.

I commenti sono chiusi